Tu

Stanotte ti ho sentito, eri vicino a me. Mi hai accarezzato. Brividi… Nei sogni non mi abbandoni mai.

Perché senza te servono fantasia e impegno per sorridere.

Perdere la testa

Nel momento in cui intravide tra i passanti quell’esile ragazza bionda con lo zainetto rosso, qualcosa dentro di lui andò in frantumi. Fu una sensazione così forte e incontrollabile che ne ebbe quasi paura. Si sentì avvincere e risucchiare da un’ondata di calore che pervase il suo corpo, salendo violenta dalla punta dei piedi fino al cervello, travolgendo senza rimedio cuore e anima.

Ricordava ogni particolare e ogni sensazione dell’istante in cui i suoi occhi stanchi si erano posati per la prima volta su di lei.

Da quel momento nella sua vita non ci fu più spazio per la ragione.

 

Felicità

Quello che tutti ci auguriamo è una vita serena. Ma non dobbiamo dimenticare che un momento di felicità, perché la felicità dura un attimo, è qualcosa di violentemente bello ed eccitante, è ciò che ricorderemo per tutta la vita. E’ chiudere gli occhi e volare. E’ sorridere, ma quel sorriso incontenibile che viene da dentro, non quell’espressione leggera che diamo al mondo ogni giorno. E’ una sensazione che parte dalla punta dei piedi e sale, sale su fino al cervello, travolgendo irrimediabilmente cuore e anima.

Su di me e sulla fantasia

Sono un’adolescente di quarant’anni che sogna di vivere sulle nuvole… su, in alto sopra la pioggia. Non mi accontento della realtà e i libri che divoro o le parole che tento di mettere insieme mi permettono vivere in un’altra dimensione.
Un libro è magico per questo: mentre il tuo corpo è immobile, lui porta la tua mente ovunque.
E tu sei libero di volare, puoi ridere o piangere, puoi amare e odiare.
Io scrivo d’amore o di odio, di vita o di morte… ma solo ciò che suscita in me forti emozioni.